Ricette 2016 ancora in BIAB

In attesa di riprendere l'attività brassicola, abbiamo pianificato le prossime ricette. 
La prima cotta del 2016 sarà la sospirata 50ª, la Fifty, una Tripel di chiaro stampo belga. Una birra impegnativa, dalla alta gradazione alcolica, una birra per le grandi occasioni, visto anche il formato deciso per l'imbottigliamento in bottiglie da 75cl.
Vediamo la ricetta:
Fifty Anniversary Belgian Tripel ALL Grain
Minuti ammostamento :105
Litri in pentola :28.5
Litri sparge: 22.5
Litri in fermentatore :25
Efficienza :75 %
OG :1091
ABV :9.1 %
Plato :21.8
IBU :27.5
BU/GU :0.3
EBC : 14

Malti e Fermentabili
Pilsner 5000 gr 50 %
Vienna 2000 gr 20 %
Munich Malt 1300 gr 13 %
Frumento non maltato 500 gr 5 %
Zucchero di canna 500 gr 5 %
Fiocchi di Orzo 400 gr 4 %
CaraMunich 60 250 g r3 %
Black Malt 50 gr 1 %
Totale10000 gr

Luppoli
Simcoe (AA 12.3) 10 gr 60 min
Simcoe (AA 12.3) 10 gr 30 min
Citra (AA 12.5) 10 gr 20 min
Citra (AA 12.5) 20 gr 10 min
Citra (AA 12.5) 20 gr 5 min
Citra (AA 12.5) 20 gr 0 min
Simcoe (AA 12.3) 20 gr 0 min
Citra (AA 12) 50 gr DH
Totale160 gr

Lieviti
SafBrew Abbey 23 gr.

Profilo Mash
Protein rest 50°C 15 min
Beta-amilasi 66 °C 60 min
Alpha-amilasi 72 °C 15 min
Mash Out 78 °C 15 min

Bollitura 90 min 

Fermentazione 20°C

La scelta degli ingredienti è stata fatta in base alla vecchia ricetta della AbjT&AbjS, la tripel fatta con due lieviti diversi. Così abbiamo pensato di modificarla e riproporla in questa veste commemorativa.
In tutto questo tempo è stata preparata la bozza quasi definitiva dell'etichetta, che per questa occasione viene nuovamente divisa in due con un fronte ed un retro. Allo studio anche un piccolo cartoncino commemorativo che verrà appeso al collo.


Il fronte 


Il retro


Copertina del cartoncino


Interno del cartoncino.
Come vedete è tutto pronto, ci manca solo un pò di tempo per brassarla.
Dopo la cotta di commemorazione torneremo alla normale programmazione decisa lo scorso anno, cioè il perfezionamento di ricette precedenti, ingredienti permettendo.
Quindi riprenderemo il perfezionamento della American Pale Ale della serie Oro, dove prevediamo almeno altre tre cotte, dove metteremo a frutto i risultati delle precedenti.
Dopo 5 cotte, abbiamo deciso che i malti coinvolti in questa birra saranno come malto base il Pale e come unico malto speciale il Bisciut, Non abbiamo ancora deciso se saranno aggiunti una piccola percentuale di fiocchi. Purtroppo non possiamo lavorare come vorremo dato l'enorme magazzino, con grani anche ormai scaduti, che ci costringono quindi ad utilizzare gli ingredienti presenti, e per questo che probabilmente se decideremo di aggiungere i fiocchi, saranno d'orzo ed invece avremmo voluto utilizzare il mais, quindi faremo la Oro VI e poi dovrà passare un pò prima di continuare con le successive due che saranno brassate solo quando avremo terminato il magazzino e potremmo acquistare gli ingredienti più mirati.
Per quello che riguarda la luppolatura, anche qui dobbiamo utilizzare quello che abbiamo e non possiamo utilizzare i luppoli oceanici che vorremo.
Il Galaxy, il Nelson Sauvin e il Pacifica saranno utilizzati terminati quelli che abbiamo e saremo costretti, anche questa volta a riutilizzare ancora il Chinook, Centennial e Amarillo. Per il Dh abbiamo del Sorachi Ace aperto da far andare, utilizzato per l'ultima Oro 5, con il suo aroma citrico importante, molto pungente, specialmente se utilizzato con il lievito secco della Fermentis US-05 fatto lavorare a 18°C.
Vediamo insieme la ricetta:

Oro VI American Pale Ale ALL Grain BIAB
Minuti ammostamento :75
Litri in pentola :40
Litri in fermentatore :26
Efficienza :75 %
OG :1045
ABV :4.6 %
Plato :11.2
IBU :36.5
BU/GU :0.81
EBC : 5

Malti e Fermentabili
Pale Ale 4500 gr 85 %
Bisciut 500 gr 10 %
Fiocchi di Orzo 250 gr 5 %
Totale 5250 gr

Luppoli
Chinook (AA 12.5) 10 gr 30 min
Chinook (AA 12.5) 10 gr 20 min
Centennial (AA 9.1) 10 gr 15 min
Amarillo (AA 9.5) 10 gr 15 min
Centennial (AA 9.1) 10 gr 10 min
Amarillo (AA 9.5) 10 gr 10 min
Centennial (AA 9.1) 15 gr 5 min
Amarillo (AA 9.5) 15 gr 5 min
Chinook (AA 12.5) 20 gr 0 min
Centennial (AA 9.1) 10 gr 0 min
Amarillo (AA 9.5) 10 gr 0 min
Sorachi ACE (AA 12.4) 50 gr DH
Totale 190 gr

Lieviti
SafAle US 05 11.5 gr

Profilo Mash
Beta-amilasi 68 °C 45 min
Alpha-amilasi 72 °C 15 min
Mash Out 78 °C 15 min

Bollitura 90 min 

Fermentazione 18°C

Successivamente partiremo con il perfezionamento di una birra scura, la ricetta di partenza sarà quella della Babd. Anche qui siamo purtroppo costretti ad utilizzare i grani presenti, e di grani tostati ne abbiamo in quantità.
Rispetto alla vecchia Babd, una Stout molto cioccolatosa, sarà eliminato lo special B ed inserito il Crystal 150L, mentre non potremmo utilizzare il Brown che ci eravamo prefisso, perchè terminato.
Vediamo la ricetta:

Babd II English Porter ALL Grain BIAB
Minuti ammostamento :90
Litri in pentola :40
Litri in fermentatore :26
Efficienza :75 %
OG :1055
ABV :5.5 %
Plato :13.6
IBU :36.5
BU/GU :0.49
EBC : 74

Malti e Fermentabili
Maris Otter 4500 gr 70 %
Crystal 150L 1300 gr 20 %
Fiocchi di Orzo 250 gr 4 %
Chocolate 200 gr 3 %
Black Malt 100 gr 2 %
Roasted 100 gr 2%
Totale 6450 gr

Luppoli
Target (AA 12.1) 25 gr 60 min
Styrian Goldings (AA 5.4) 10 gr 5 min
Totale 35 gr

Lieviti
SafAle S 04 11.5 gr

Profilo Mash
Beta-amilasi 68 °C 60 min
Alpha-amilasi 72 °C 15 min
Mash Out 78 °C 15 min

Bollitura 90 min  

Fermentazione 18°C

Per le successive cotte dovremmo verificare il magazzino e utilizzare gli ingredienti che abbiamo,  e più che fare birre in stile, faremo birre dove cercheremo di unire gli aromi e i sapori nel miglior modo possibile, solo a magazzino vuoto potremmo decidere come pianificare il 2017. Ma questa sarà un'altra storia.

Commenti

  1. Non posso che condividere la frase finale... un HB non è un birrificio. Imparare a sfruttare gli ingredienti a disposizione per ottenere una buona birra, al di là degli stili, è una delle sfide che mi diverte di più in questo hobby. Ho da poco brassato una sorta di incrocio tra una extra special bitter e una mild con luppoli tedeschi e zuccheri belgi.. detta così sembra una follia, e invece dietro c'è stato parecchio lavoro di testa per trovare un punto di incontro, per pensare QUELLA birra, fuori dagli schemi. Ora vedremo come verrà... una cosa è certa, nel bene o nel male sarà sarà unica :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido in pieno il Tuo pensiero. Tienici informati sulla Tua creazione!

      Elimina

Posta un commento