lunedì 11 aprile 2016

Savona a tutta birra 2016 a cura di Alberto Ottino

Cari Lettori nonostante le promesse che vi avevamo fatto non siamo ancora riusciti a terminare e ad aprire il nuovo sito.  La costruzione del sito sta assorbendo molte energie e tempo, sempre troppo poco, e non ci ha permesso di correre spediti verso l'obbiettivo finale.
Con questo ritardo, rischiamo di perdere nuovi lettori che non sono riusciti a capire il nuovo progetto, anzi rischiamo pure di perdere i "vecchi".
Ci scusiamo con tutti, ma non possiamo stravolgere  le nostre vite per un sito internet! Ci sarà il tempo per tutto.
Cosi abbiamo deciso di riprendere le attività del blog, con l'inserimento di un spaccato di vita brassicola, La Festa della Birra di Savona.
L'articolo sarà pubblicato sia sul blog che sul sito. Per ora i due strumenti di condivisione viaggeranno insieme fino alla conclusione del progetto sito.
Così, grazie all'amico Alby, che, come fanno gli Amici veri, ci è corso in aiuto nel proporre questo spaccato di vita popolare.
Proponiamo ai "vecchi" lettori e ai nuovi, la nuova sezione Eventi, quella che tanto ci sta a cuore, con la vostra partecipazione, dove sarete voi i protagonisti con i vostri report su manifestazioni, eventi, feste a cui parteciperete. Prendete spunto e inviate anche voi i vostri report all'indirizzo  staff@signormalto.it
Diamo la parola ad Alberto e lo ringraziamo per la sua disponibile, questo è solo l'inizio di una lunga collaborazione... spero.

Savona a tutta birra è giunta alla sua quinta edizione. L'evento, con il patrocinio del Comune di Savona, si è svolto come ogni anno in Piazza del Popolo, nelle strutture che ospiteranno in seguito il più famoso EXPO. 
Sotto al tendone si apre un grande spazio ricco di tavoli con al centro il palco per le esibizioni di musica live, su cui l'organizzazione punta molto.
Tutti attorno sono disposti gli stand dei vari produttori di birra assieme alla gastronomia. 
La moneta circolante sono gli ormai collaudati buoni cartacei, acquistabili alla cassa, che eliminano uno scomodo giro di denaro ai vari stand. I prezzi appaiono ragionevoli: 3 euro per la piccola (0,3 l) e 4 per la media (0,4 l) e con meno di 10 euro si può prendere praticamente ogni piatto, ad esclusione della ricca grigliata mista argentina. 
Nota di merito alla musica live presente in tutte e 4 le serate con gruppi pop-rock locali. 
Abbiamo ascoltato giovedì la cover band savonese Il Triangolo, non nuova a Savona a tutta birra, e a seguire i giovanissimi e bravi Pop Tools, con una entusiasmante sezione ritmica. 
Venerdì è stata invece la volta dei Dagma Sogna, altra ottima band savonese che ha proposto i suoi pezzi dopo una prima parte di cover rock e prog.

Vediamo alcuni dei birrifici presenti con i prodotti che siamo riusciti ad assaggiare: 
BREWFIST - star assoluta della rassegna, portata come ogni anno dai ragazzi de ilbeershop.it di Genova, presenta i suoi cavalli di battaglia in mescita: 
- 24K, Golden Ale dorata, secca ed estremamente beverina, pulita, con un ricco aroma terroso erbaceo e un lieve amaro finale. Ottima 
- Jale, bitter inglese, rossa carica, note caramellate, aroma british, perfettamente in stile 
- Burocracy, IPA classica di stampo americano con note agrumate ed esotiche, corpo ricco che equilibra un amaro deciso. Ottima nell'accompagnare lo stinco 
- Spaceman, American IPA estrema, color oro carico, profumo agrumato esplosivo. In bocca un tappeto maltato è presente dall'inizio alla fine del sorso e persiste anche oltre, andando ad equilibrare i 70 IBU di amaro. L'aroma è deciso di pompelmo con note tropicali. 
IL CONTE GELO - birrificio di Vigevano 
- Gragnola, Golden Ale chiara, di facile bevuta, non troppo secca e amara e con un profumo e un aroma delicatamente agrumati. Buona buona 
- Gelo Jack, American IPA ambrata, nota dolce e rotonda iniziale, con un caramello per niente invasivo, aroma intenso di pompelmo e mandarino e un finale pulito e lievemente amaro. Davvero una birra ben studiata nella sua ricetta.
CEREA - birrificio di Mondovì 
- Ghiga, birra dorata al grano saraceno delle valli monregalesi, torbida, note iniziali floreali e di miele e un ricco aroma di cereale in chiusura. Piacevole ed equilibrata.
MADAMA - beerfirm torinese - Mia, APA, molto watery, nota dolce non sufficientemente equilibrata e aroma evanescente. Da migliorare.
CAULIER - Belgio - Pale Ale, chiara, beverina e fresca, un po' troppo watery, con piacevole aroma tropicale e finale lievemente resinoso di pino. Utilizza il luppolo Simcoe. 

L'evento si presenta in una modalità che ricorda più una grande sagra, ed ha in questo senso il merito di attirare il grande pubblico e far conoscere il mondo dell'artigianale anche ai profani, discostandosi dalle solite noiose rassegne a cui alla fine partecipa in gran parte chi è già nel "giro". L'altra faccia della medaglia è però un eccessivo affollamento, gran chiasso e musica ad altissimo volume e una spessa coltre di nebbia che in pochi secondi inzuppa i vestiti di sgradevole odore di cibarie. 
Una cornice che, tutto sommato, riporta la birra al suo vero contesto: quello popolare!
Alberto Ottino


Nessun commento:

Posta un commento